Nata a Torino nel 1982.

Corso di incisione presso l'Ecole des Arts - Bruxelles
Laurea in grafica - IED - Torino
Diploma (indirizzo architettura) - Liceo Artistico Ego Bianchi - Cuneo

Il mio intento è creare un archivio, uno strumento di di memoria.
In questo archivio ideale la Storia dell’Arte è il soggetto principale
e campo di indagine privilegiato; il mio studio è finalizzato a proteggere,
ricordare e divulgare il contributo dei grandi Maestri.
Ed allo stesso tempo preservare dall’oblio la memoria, frutto dell’unione di esperienze,
saperi collettivi e personali.

Approfondisco e propongo una rilettura offrendo nuovi spunti di riflessione
sull’importanza dell’essenza stessa dell’Arte.
Questi gli ambiti in cui indago:
- lo studio e la rappresentazione dello spazio e delle regole
che determinano la struttura dell’opera d’arte;
- la percezione dell’opera sia nello spazio ospite (museo, spazio espositivo, studio)
sia nello spazio in cui l’opera è accolta (tela - foglio di carta - supporto in genere);
- l’opera vive in quanto parte di un insieme di opere. L’archivio e l’arte della memoria
come strumenti e atti di conservazione e testimonianza;
- l’evoluzione infinita nello spazio/tempo fisico e concettuale dell’opera;
- l’importanza del concetto di classico nella storia dell’arte e dell’annullamento
dell’opera d’arte causa la moltitudine di
immagini e stimoli visivi presenti nella nostra epoca.
Il mio modo di operare propone una forma di percezione dell’immagine senza "immagine".

In questa ricerca, gli spazi immaginati, i collages, le produzioni con le parole,
le piante e mappe, le prospettive inverse, così come i libri
e le tavole di paraffina incisa hanno una comune ricerca:
fino a che punto il ricordo riuscirà a indagare e/o rallentare l’oblio?
L’oblio inteso sia come fine naturale ed inevitabile del nostro essere/esistere,
sia come l’annullamento della cultura, di cui l’arte ne rappresenta una parte.
Questo anche e soprattutto in funzione della enorme quantità di informazioni
fruibili attraverso il web, che proprio per la sua caratteristica,
rischia di agglomerare in una sorta di buco nero rendendo più superficiale
l’approfondimento e impedendone l’intima acquisizione ed elaborazione.

Fino a che punto, dunque, è possibile fronteggiare il problema
del dissolversi di una memoria collettiva?
Un approccio nel mio lavoro è l’analisi di un’opera secondo diversi schemi, punti di vista, temi e tecniche.
Un esempio fra questi: l’Annunciazione di Domenico Veneziano è stata oggetto/soggetto
in 5 mie opere, ognuna delle quali ha un differente approccio.
Mi piace l’idea di indagare in modo “archeologico” per dare così voce ad elementi
e parti costitutive della stessa forma originaria, spesso ricchi di simbologie
e dettagli nascosti a volte dall’Artista e resi volutamente dei “rebus”,
impregnati di significati non solo identificanti l’Artista stesso,
ma rappresentativi anche del preciso periodo storico ed espressione
di ideologie religiose/politiche contemporanee all’opera.

Questa modalità di studio analitico delle opere d’arte mi consente di creare
una “mappa” in continua estensione ed evoluzione che dona nuovo ed approfondito
significato al mio rapporto con la Storia dell’Arte.

Born in Torino, 1982.

Engraving course at Ecole des Arts - Bruxelles
Bachelor’s degree in graphic design - IED - Torino
Art school (field of study architecture) - Liceo Artistico Ego Bianchi - Cuneo

As artist I feel obliged to preserve Art from the past through memory.
I then try to deepen and propose a read back offering new conceptual thinking
about the importance of the essence of Art.
These are the areas I investigate:
investigation and representation of the space and rules that define the structure
of a work of art;
the perception of the artwork both in its hosting place (museum, exhibiting space, atelier)
and onto the space is hosted (canvas, paper sheet and any other medium);
the oeuvre lives by being part of a set of works of art: the archive and the art of memory
as act of preservation and testimony;
the infinite evolution of the artwork in its physical and conceptual time and space;
the importance of the concept of Classic in Art and its annulment in the multitude of here
and now images of our age: perception of the “image without image”.

Premio Lissone 2016 - Edizione Commemorativa - 70° Anniversario
december 3, 2016 - MAC
Lissone (Mb)

Le opere Impossibili
october 27, 2016
Turin

49a edizione del Premio Suzzara "NoPlace.Space"
september 17, 2016
Suzzara (Mn)

Tigre - Spazio K
opening august 27, 2016
Vicolo II San Leonardo, 1
Sciacca

Datum - Dida (solo show) Van Der Gallery
opening june 10, 2016
Andreas Hofer, 36
Bolzano

Cavalleria Leggera
opening may 13, 2016
Cavallerizza Reale
Via Giuseppe Verdi 9
Torino

Art Truc Troc
opening february 5, 2016
Bozar
Ravenstein Street, 23
Brussels

Très personnel (solo show)
opening february 5, 2014
Kroma
Victor Jacobs 11-13
Brussels